Archivio dei tag srl

Diredazione

Srl, strada facile al liquidatore

In riferimento alla nomina di un liquidatore di una Srl. Secondo quanto si legge nella nota, del 19 maggio 2014 prot n. 0094215 del MiSe – dipartimento XXI registro imprese, è valida la delibera assembleare mediante la quale sono nominati i liquidatori senza l'ausilio di un notaio, in tutti i casi di scioglimento previsti dall'art. 2484, 1° comma, nn. 1-5, del c.c. che non rappresentano una volontà dei soci tesa a modificare l'atto costitutivo societario. Se invece la delibera di nomina dei liquidatori avviene successivamente rispetto a quanto stabilito dallo Statuto, con riferimento alle attribuzioni e ai poteri spettanti ai liquidatori, al fine di modificarne i contenuti, allora diventa obbligatorio il ricorso alla verbalizzazione notarile.

Diredazione

La Srl in crisi non restituisce il finanziamento del socio

Il Tribunale di Milano con una sentenza la n.3621 del 14 marzo 2014 ha deciso che gli amministratori di Srl possono rifiutare il rimborso del «prestito soci» solo se il finanziamento sia stato effettuato dal socio e il rimborso sia stato da lui richiesto in presenza di una crisi della società e questa abbia da soddisfare crediti (non derivanti da finanziamento soci) scaduti e non soddisfatti o anche non scaduti. Quando invece non ci sia questa doppia situazione di crisi (al momento del finanziamento e in quello della richiesta di restituzione) non è applicabile la regola della postergazione del rimborso del finanziamento eseguito dai soci. In particolare, se dal bilancio di esercizio non risulta in via univoca un concreto rischio di insolvenza, gli amministratori non possono eccepire l'inesigibilità del credito derivante dal finanziamento del socio.

Diredazione

Srl, controlli su misura

La Cassazione con la sentenza n. 9796 del 7 maggio 2014 ha stabilito che il fisco deve valutare la situazione complessiva dei movimenti sul c/c del manager e tuttavia non basta Illegittimo l'accertamento fiscale parziale a carico della società basato esclusivamente sui movimenti sospetti sul conto dell'amministratore unico. Infatti, in caso di mancata presentazione della dichiarazione dei redditi, l'amministrazione finanziaria è tenuta a valutare la situazione complessiva dell'azienda. . La vicenda riguarda una srl di Milano alla quale l'ufficio aveva notificato un accertamento del maggior reddito sulla base delle verifiche fatte dalla Guardia di finanza sul conto dell'amministratore unico che registrava molti versamenti sospetti.

Diredazione

Convocazioni assemblea srl Il socio informato su tutto

Il principio espresso dal tribunale di Milano, sezione specializzata in materia di impresa, con la sentenza del 13 marzo scorso è quello che la funzione tipica assolta dal procedimento di convocazione assembleare è, anche nelle società a responsabilità limitata, quella di informare il socio della fissazione della prossima adunanza e di quel che in essa si andrà a deliberare in modo da consentirgli l'esercizio consapevole del diritto d'intervento e di voto. Salva diversa previsione dell'atto costitutivo o dello statuto societario, la regolarità del procedimento di convocazione assembleare postula quale condizione di legittimità necessaria e sufficiente che alla data dell'adunanza sia scaduto il termine legale di otto giorni dalla data in cui gli avvisi di convocazione sono stati spediti.