Archivio dei tag irap

Diredazione

L’aliquota dell’IRAP ritorna al 3,9%

La Legge di Stabilità 2015 prevede il ripristino dell’aliquota IRAP al 3,9% e deducibilità dalla base imponibile, limitatamente ai lavoratori assunti con contratto a tempo indeterminato, del costo del lavoro sostenuto per la parte eccedente è quanto previsto dalla legge di stabilità 2015. Quindi dal 2015, chi ha alle proprie dipendenze soltanto lavoratori a tempo indeterminato, dedurrà integralmente dalla base imponibile dell’imposta regionale sulle attività produttive il costo sostenuto per la componente lavoro. Verrà dunque penalizzato chi si avvale prevalentemente di lavoratori a tempo indeterminato, nonché di lavoratori parasubordinati (co.co.co e amministratori di società, nonché autonomi occasionali, cioè senza partita Iva), per il cui costo non è previsto alcun ulteriore sconto.

Fonte: Il Sole 24 ore , Luca Gaiani, pag. 43

Diredazione

Doppio vantaggio dalle deduzioni Irap per Unico 2014

Per il periodo d'imposta 2013, viene riconosciuta la possibilità di dedurre dall'Ires/Irpef dovuta la parte di Irap relativa alla quota imponibile delle spese per il personale dipendente e assimilato, al netto delle deduzioni di legge, nonché un'ulteriore quota pari al 10% dell'Irap corrisposta nel periodo d'imposta, forfetariamente riferita all'importo dovuto sulla quota imponibile degli interessi passivi e oneri assimilati, al netto degli interessi attivi e proventi assimilati. Nel modello Unico queste deduzioni trovano entrambe evidenza nel quadro del reddito professionale (RE) o d'impresa (RG/RF) quali variazioni in diminuzione dell'imponibile ai fini Ires/Irpef . Queste deduzioni competono anche nel caso di conseguimento di una perdita fiscale.

Diredazione

Acconti 2014 con IRAP ridotta

Per imprese e professionisti riduzione dell’IRAP che si applicherà già dai versamenti in acconto di giugno 2014: L'articolo 2 del Dl su Irpef, Irap e rendite finanziarie verrà attuato in due tempi, pertanto L'IRAP scende dal 3,90% al 3,50% con possibilità di anticipare gli effetti finanziari nel calcolo degli acconti previsionali utilizzando una aliquota intermedia del 3,75 per cento. L'aliquota di base per le imprese industriali e commerciali e per i liberi professionisti cala dello 0,40% rispetto all'attuale 3,9 per cento. Per le banche e le società finanziarie lo sconto è pari allo 0,45% (sull'attuale 4,65%) e per le assicurazioni allo 0,60% (sull'attuale 5,90%). Le imprese agricole potranno usufruire di un bonus dello 0,20% (sul vigente 1,90%). Mentre per le imprese concessionarie di opere diverse da autostrade e trafori l'aliquota passa dal 4,20% al 3,80 per cento. 

Diredazione

il medico non è soggetto all’irap

Un medico che non si avvalga di lavoratori dipendenti né di collaboratori e che utilizzi strutture da altri predisposti non è soggetto all’Irap;  infatti, deve essere dichiarata l’inesistenza dell’autonoma organizzazione, presupposto per l’assoggettabilità del professionista ad Irap. Lo stabilisce una recente sentenza del 2 dicembre 2013 della sezione tributaria della Suprema Corte di Cassazione