Archivio dei tag Fisco

Diredazione

Fisco a rate, benefici retroattivi

Equitalia ha precisato che le nuove disposizioni che inibiscono la possibilità di procedere ad esecuzione forzata sulla prima, ed unica, casa di abitazione, contenute nel D.L. n. 69/2013 (cosiddetto “Decreto del Fare”), devono riferirsi alla classificazione catastale del bene e non alla destinazione d'uso di fatto, requisito, quest'ultimo, soddisfatto dall'ulteriore previsione della residenza anagrafica. Devono pertanto essere esclusi dal divieto di pignoramento tutti gli immobili con categoria non abitativa, quali uffici e studi privati (A/10). 

Diredazione

Concussione anche per il Fisco

Il comportamento di un funzionario dell’Agenzia delle Entrate che aveva minacciato accertamenti fiscali, qualora un contribuente non gli avesse versato una somma di denaro, deve essere configurato quale reato di concussione per costrizione: è quanto ha stabilito la VI Sezione penale della Corte di Cassazione, con la sentenza n. 28431 del 1° luglio.

Diredazione

Fisco Da oggi l’invio dei dati bancari I controlli dal 2014

Partiranno non prima del 2014 i controlli fiscali contro i possibili evasori che l’Agenzia delle entrate metterà a punto grazie all’Anagrafe dei conti correnti, l’archivio istituito dal Decreto salva Italia del dicembre 2011 nel quale, a cominciare da oggi, affluiranno tutti i dati relativi ai rapporti che intercorrono tra gli italiani e gli istituti finanziari. È quanto trapela dagli uomini che lavorano intorno alla delicato dossier destinato a cancellare di fatto il segreto bancario in Italia. La road map dell’operazione sta prendendo forma in queste ore. Entro il 31 ottobre prossimo tutti gli intermediari finanziari (soprattutto banche e poste) dovranno comunicare al Sid (Sistema informatico dati) gestito da Sogei tutti i dati sui conti correnti, le movimentazioni, gli investimenti, l'utilizzo delle carte di credito e perfino delle cassette di sicurezza riferiti al 2011 ...

Diredazione

Il fisco sceglie la moral suasion

In questi giorni diversi contribuenti stanno ricevendo la lettera dell'Agenzia delle Entrate che li invita a prestare la dovuta attenzione sul reddito dichiarato per l'anno 2011: la comunicazione ha un semplice scopo informativo e non presuppone un obbligo di risposta, riporta la tipologia di spese risultanti in Anagrafe tributaria e «apparentemente non compatibili con i redditi dichiarati».